Asparagi e Agretti: un valido aiuto per le donne

DiRiabilitazione Boccea

Asparagi e Agretti: un valido aiuto per le donne

Condividi con i tuoi amici

Marzo e Aprile sono i mesi in cui i banchi di frutta e verdura si colorano spiccatamente di un verde scuro intenso dovuto ad un’alta presenza di clorofilla, il verde degli Asparagi e degli

La natura ha pensato a tutto…e…non a caso queste verdure caratterizzate da una buona azione diuretica, sono di stagione proprio nei mesi in cui, le donne soprattutto, cominciano a soffrire di più la ritenzione idrica per l’innalzamento delle temperature. Sia gli agretti che gli asparagi infatti, stimolano fortemente la diuresi soprattutto se vengono proposti bolliti e conditi con olio e limone. In più queste verdure hanno la capacità di reintegrare facilmente le perdite di sali minerali che si hanno nei primi giorni di mestruazioni o dopo un’intensa attività fisica.

nutrizionista boccea

Image by andreas160578 from Pixabay

Gli agretti inoltre, sono per le donne un valido sostegno, in quanto tendono ad abbassare la soglia dei dolori mestruali per il loro contenuto in magnesio e potassio. Un’ azione simile la svolgono anche gli asparagi che nello specifico, grazie alla presenza di acido aspartico, regolano la contrattilità muscolare e la tonicità dell’utero durante le metrorragie (sanguinamenti atipici e a volte prolungati dell’utero che si verificano nel periodo compreso tra 2 mestruazioni consecutive) e durante il travaglio.

E’ noto infatti che, gli asparagi non sono indicati insieme a funghi, prezzemolo e ananas durante la gravidanza soprattutto in caso di minaccia d’aborto. Le donne, ma anche gli uomini che invece soffrono di osteoporosi, potrebbero aumentare il consumo di asparagi e agretti così da sfruttare il loro potere terapeutico e utilizzarli come coadiuvanti di un trattamento specifico per questa patologia.

 

Curiosità: Perche’ gli agretti si chiamano barba di frate?

Gli agretti nel loro aspetto ricordano la barbe dei Frati. Sono caratterizzati da foglie e fusti piuttosto lunghi e sottili, quasi del tutto commestibili. Infatti, per la loro pulitura occorre eliminare la parte più dura, ovvero quella bianca. Gli agretti sono più diffusi nell’Italia Centrale: in Romagna vengono popolarmente chiamati “lischi” o “liscari”. Nelle Marche sono noti come “rospici” o “arescani”. In Umbria invece prendono il nome di “riscoli”. Questa verdura è anche molto diffusa nella cucina Spagnola e Anglosassone. Pensate che in Inghilterra li chiamano proprio Agretti!

Info sull'autore

Riabilitazione Boccea administrator

Lascia una risposta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi