Osteopatia e Odontoiatria

DiRiabilitazione Boccea

Osteopatia e Odontoiatria

Condividi con i tuoi amici

Sempre più spesso il nostro odontoiatra consiglia l’ e a volte capita il contrario.

Cerchiamo di capire per quali motivi le due figure spesso lavorano in sincrono.

Una valutazione osteopatica è di primaria importanza per andare a identificare eventuali disfunzioni somatiche che possono essere alla base di un determinato tipo di malocclusione e attraverso il lavoro di terapia manuale favorire una risposta dei tessuti più celere e migliorare il lavoro o dell’apparecchio ortodontico.
Il trattamento osteopatico in ogni caso di terapia ortodontica, specie in età evolutiva, coadiuva la terapia ortodontica classica a quella funzionale, liberando disfunzioni sia in loco quindi suture craniche, muscoli oro buccali e alterazioni cervicali ma anche a distanza su atteggiamenti e/o paramorfismi posturali a distanza attraverso manipolazioni di natura neuromiofasciali.

Altro motivo per cui richiedere la valutazione e il trattamento osteopatico in età evolutiva e dopo attenta valutazione gnatologica è che questo tipo di lavoro migliora la salute in generale e il metabolismo dei tessuti, li predispone ad una reattività e plasticità maggiore a quelli che sono gli stimoli esterni, mettendo l’organismo (privato delle sue disfunzioni somatiche) di adattarsi in modo più rapido e rispettoso ai vari cambiamenti.

Risultati che ci prefiggiamo

Sicuramente abbassare i tempi di trattamento e i rischi di recidiva ed escludere compensi posturali che a distanza di anni possono portare con sé algie di varia natura.

Quali strumenti utilizziamo:

In primis un colloquio con l’odontoiatra inviante e successivamente una valutazione osteopatica sia manuale che con strumenti digitali, quali l’ esame baropodometrico, podoscopio e nei casi eccezionali con un sistema digitale che permette una ricostruzione in 3d della colonna vertebrale per verificare eventuali dismorfismi e verificare come il trattamento odontoiatrico e osteopatico riescono a modificare queste alterazioni.

Perciò, chiedete al vostro osteopata di fiducia un consulto con lo gnatologo o l’odontoiatra, oppure se già avete intrapreso un percorso gnatologico, potreste pensare di affiancare un osteopata per la salute vostra e dei bambini.

Buona osteopatia a tutti

 

Articolo integrale su www.osteopatiainfantile.it

Per info:

Dott. Guido Viola D.O.

Terapista della Neuropsicomotricità dell’età evolutiva

Osteopata / Osteopata pediatrico

Esperto in Medicine Naturali

Naturopata

3277320704

 

Info sull'autore

Riabilitazione Boccea administrator

Lascia una risposta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi